Unghie nere e incarnite: povero piede del runner!

Unghie nere e incarnite: povero piede del runner!

Unghie nere e incarnite sono disturbi tipici del runner. Cosa sono, perché ne soffriamo e cosa possiamo fare per prevenire questi fastidiosi inconvenienti.

Moltissimi runner soffrono di dolore e fastidio alle dita dei piedi e il perché non è difficile da immaginare. Mentre corriamo i piedi sono sottoposti a uno stress enorme: su di loro grava, infatti, tutto il nostro peso corporeo. Una tensione che si accumula su di una superficie così piccola: poveri i piedi di chi corre, è proprio il caso di dirlo!

Anche le unghie dei piedi soffrono, e così, con il passare del tempo, il dolore che proviamo alle nostre estremità dopo una corsa lunga, diventa la normalità. La causa di questo fastidio è da ricercare nell’ accumulo di un’ eccessiva quantità di sangue sotto le unghie dei piedi o alla presenza di un’ unghia incarnita.

L’ unghia incarnita

L’ unghia incarnita (il cui termine tecnico è onicocriptosi) è una patologia molto diffusa e si sviluppa quando l’ estremità delle nostre unghie tende a crescere incurvata verso il basso, andando così a penetrare dentro la pelle delle dita del piede. Questo disturbo, oltre a provocare dolore e infiammazione, può causare delle infezioni. I batteri, infatti, entrano nel punto dove l’ unghia sta crescendo che è come una ferita aperta. Spesso le unghie incarnite sono il risultato di una pedicure scorretta o non abbastanza accurata e frequente.

E’ sbagliato, infatti, tagliare le unghie troppo corte in quanto esse saranno naturalmente portate a svilupparsi all’ interno della pelle morbida del dito. Anche dare una forma tondeggiante all’ unghia è scorretto: meglio preferire bordi più definiti. E il ruolo della scarpa da running in tutto ciò? E’ fondamentale! Scarpe troppo piccole, infatti, sono una delle cause più frequenti nella comparsa di unghie incarnite per i runner.

Durante la corsa le unghie vengono ripetutamente schiacciate contro la superficie troppo stretta della calzatura e questo continuo sfregamento le porta a svilupparsi in una direzione che non è fisiologica. Solitamente l’ onicocriptosi si sviluppa sull’ alluce ma per chi ha il piede greco (ovvero per chi ha il secondo dito più lungo dell’ alluce), è molto frequente il verificarsi di un’ unghia incarnita sul secondo dito.

L’ unghia nera

L’ unghia nera è un difetto estetico che affligge moltissimi podisti. Anche in questo caso un forte fattore di rischio è l’ uso di una scarpa da running non adatta al nostro piede. L’ unghia diventa nera a causa di un ematoma subungueale, ovvero un accumulo di un’ eccessiva quantità di sangue. Se le scarpe sono troppo piccole, o se si usano dei calzini eccessivamente spessi, la frizione continua tra l’ estremità delle dita e la tomaia può causare un piccolo livido e un annerimento dell’ unghia.

In altri casi, l’ ematoma subungueale si forma a causa dell’ eccessiva pressione del sangue che si concentra sulle dita dei piedi durante la corsa. Ad ogni passo il piede avanza e il sangue scorre in avanti, accumulandosi sulla punta del dito. C’ è chi dice che la chance di incappare in un’ unghia nera sia più comune in estate: sembra, infatti, che le temperature più alte tipiche del periodo estivo, facciano sudare di più il piede, con il conseguente aumento di pressione sulle dita.

Prevenzione dei disturbi alle unghie

Ecco alcuni accorgimenti che puoi provare per cercare di prevenire i disturbi alle unghie:

  1. Valuta attentamente le tue scarpe da running. Sono vecchie? Sono troppo strette? Troppo larghe? Ti fanno sempre male le dita dei piedi anche dopo pochi km? Se la risposta è sì, considera di cambiarle scegliendo un paio che ti consenta di avere più spazio nella tomaia affinché le dita possano muoversi liberamente.
  2. Puoi provare ad avvolgere le dita con un cerotto o una garza prima di correre per minimizzare la frizione tra le dita e la scarpa.
  3. Per prevenire la comparsa di un’ unghia incarnita tieni le unghie abbastanza corte ma stai attento a non esagerare!
  4. Taglie le unghie squadrate.
  5. Ricordati che alcune persone sono geneticamente predisposte ad avere problemi in queste zone (io, per esempio!). Se sei fra queste, non c’è molto che puoi fare, se non rassegnarti a dedicare lunghe mezz’ ore delle tue serate per fare un’ attenta pedicure.
  6. Se hai un’ unghia incarnita che ti fa male non andare a correre lo stesso per tanti km o farai peggio.
  7. Puoi provare ad applicare del ghiaccio su un’ unghia che è diventata nera: il freddo aiuta a disinfiammare i tessuti.
  8. Lava bene i piedi anche negli spazi tra le dita e massaggiali spesso con la crema idratante.
  9. Per i casi più disperati c’è solo una cosa da fare: prenota la visita dal podologo!

Lascia un commento